I vantaggi di lavorare da casa con una malattia cronica come la fibromialgia

Riporto un testo trovato sul web che io condivido in pieno. Ho deciso di pubblicarlo perché ho intenzioni serie su questo tema. A gennaio inizierò una mia battaglia personale perché DEVO necessariamente far capire al mio datore di lavoro com’è difficile lavorare in presenza quando si vive con tante malattie croniche che purtroppo per me, sono tutte invisibile ad occhio nudo ma che mi rendono la vita difficile. Io non mi arrenderò MAI, e se potete vi invito a fare la stessa cosa anche voi. La sensibilizzazione DEVE iniziare da noi, non aspettate che arrivi dal celo, dal celo, oltre che la pioggia e la neve non viene giù nulla.

Le conversazioni con amici e colleghi in questi giorni spesso includono la domanda: “Come va lavorare da casa?” La mia azienda ha mandato tutti a casa a marzo e ha detto che rivaluterà la situazione a gennaio. Sebbene il motivo per cui siamo stati mandati a casa sia angosciante e abbia causato angoscia a così tante persone, la mia risposta è questa: lavorare da casa è fantastico. È stato così benefico per la mia salute che mi sento una persona diversa. Ho ripreso in mano la mia vita.

Cosa pensi che sia?” loro chiedono. “Perché è molto meglio?”

Ho la fibromialgia e la sindrome da stanchezza cronica . La risposta è complicata. Ogni piccola cosa sembra irrilevante di per sé, ma le piccole cose si sommano. La migliore analogia che riesco a trovare è il razionamento del cibo quando stai morendo di fame. Ogni pezzetto di cibo che non mangi ora è cibo che puoi mangiare più tardi.

Non più tardi di sei mesi fa, stavo vivendo una vita molto diversa. Dopo essere tornata a casa dall’ufficio, facevo spesso un pisolino. Svegliandomi un’ora o più dopo, mi sdraiavo lì e pensavo a tutte le cose che dovevo fare. Se cucinassi la cena, probabilmente non avrei l’energia per fare un po di esercizio fisico. Se mi esercitassi, non avrei l’energia per fare una commissione. A volte ero troppo stanca per fare la doccia. Quasi tutte le sere ero stanca morta e stavo sul divano alle 7 o alle 8 ore. Ho dovuto raccogliere le energie per alzarmi e andare a letto.

Di tanto in tanto incontravo un amico per un caffè il sabato mattina. Ciò significava praticamente che nient’altro sarebbe stato fatto quel giorno. Significava che non avrei avuto abbastanza energia per fare la spesa o pulire la casa. Avevo la spesa consegnata più spesso prima della pandemia che durante la pandemia.

In generale, i fine settimana venivano spesi per riprendersi dalla settimana lavorativa. E ogni lunedì mattina, ricominciavo l’intero processo, spingendo oltre il mio limite ogni giorno fino a quando non crollavo venerdì sera.

Poi, tutto incominciò a cambiare. Quando ho iniziato a lavorare da casa a causa del COVID-19, la mia vita ha cominciato a cambiare .

Dormo 45 minuti in più ogni mattina. Passo cinque minuti a prepararmi la mattina invece di 15 o 20. Non devo preparare il pranzo e non devo guidare. Guidare è uno dei miei più grandi problemi perché mi esaurisce completamente le poche energie che ho. Ci sono stati giorni, quando lavoravo in ufficio, in cui non ero sicuro di avere l’energia per tornare a casa. A proposito di pranzo, ora ho accesso alla mia cucina, il che significa che non sono limitata a pasti facili da mettere in un sacchetto o adatti al microonde. Mangiare meglio equivale a sentirsi meglio.

In ufficio lavoro a una scrivania in piedi e questo mi causa un mal di schiena che rende dolorosa la seduta. A casa, posso stare alla mia scrivania con comode scarpe da ginnastica invece che scarpe eleganti. Durante le chiamate in conferenza e le riunioni virtuali, posso partecipare da una posizione più comoda come sdraiata sul pavimento, che riduce il dolore, richiede meno energia e mi facilita la concentrazione. La fibromialgia porta con se tanti sintomi, uno di questi sono gli acufeni, quella percezione di rumore, solitamente un ronzio, un fischio, un fruscio o un sibilo, che si avverte nelle orecchie o nella testa in assenza di uno stimolo acustico esterno. L’esposizione a suoni, odori e luci sovra-stimola il mio cervello e crea affaticamento. Quando le persone in ufficio usano diffusori e deodoranti per ambienti o indossano lozioni o profumi, ho mal di testa e mal di stomaco e la mia stanchezza peggiora. In passato lavoravo spesso con la porta chiusa e a volte dovevo tornare a casa a causa degli odori. A casa mia ho il controllo quasi totale su questi stimoli.

L’erogatore dell’acqua, il bagno e la mensa sono più vicini alla mia scrivania a casa, il che significa che non spendo molta energia per spostarmi durante il giorno. Tornando alla mia analogia, è più cibo da mangiare più tardi.

Lavorando dall’ufficio, il mio lavoro consumava circa il 75 percento della mia energia quotidiana. Ora, è più vicino al 50 percento. Per non parlare delle pause che da casa sono realmente delle pause.

Una delle cose più importanti che posso fare per gestire la mia malattia cronica è fare delle pause tranquille per rallentare il mio sistema nervoso simpatico (lotta o fuga) e coinvolgere il mio sistema nervoso parasimpatico (riposare e digerire).

Le pause in ufficio a volte erano difficili da gestire. Quando potevo fare una pausa, stendevo il tappetino da yoga e mi sdraiavo sul pavimento dell’ufficio per fare stretching, fare esercizio o fare un pisolino. Ero preoccupata per la percezione di avere la porta chiusa. Le persone che hanno tempo per fare delle pause sono spesso percepite come non abbastanza impegnate o che non lavorano abbastanza duramente.

Ero preoccupata che qualcuno mi venisse addosso mentre allungavo le gambe in aria con il vestito intorno alla vita (questo, alcune volte è successo). Altri bussavano alla mia porta quando era chiusa, costringendomi ad alzarmi in piedi e mettere via le mie cose. Metterei a tacere il mio laptop e il mio cellulare, ma il mio telefono fisso squillerebbe inevitabilmente. Le interruzioni e le distrazioni erano all’ordine del giorno, il che significava che una pausa non era affatto una pausa.

Questi problemi non esistono a casa. Le pause a casa sono pause di qualità che riempiono la mia energia.

La statistica più convincente che posso condividere per illustrare la differenza che il lavoro da casa ha fatto sulla mia salute è la mia media di pisolini settimanali. Prima: 11 sonnellini a settimana. Ora: due.

Ricordo i giorni in ufficio in cui supplicavo l’orologio di mostrare un’ora che significasse che potevo sdraiarmi e chiudere gli occhi. Raramente mi sento così adesso.

Avere più energia significa migliore la mia concentrazione. Un altro vantaggio: posso prendere ore di malattia anziché giorni di malattia. Ci sono stati alcuni giorni in cui non mi sentivo bene. Mi sono sdraiata per un breve periodo e sono tornata al lavoro in un’ora o due. Se la stessa cosa si fosse verificata mentre lavoravo in ufficio, probabilmente avrebbe comportato un’intera o mezza giornata di ferie. Ieri sera, dopo il lavoro, sono andato a fare una camminata veloce di un’ora. Ho fatto la doccia, ho preparato la cena, lavato i piatti e svuotata la lavastoviglie. Ho portato il mio cane a fare una breve passeggiata. Ho spazzato il pavimento del bagno e piegato gli asciugamani che aspettavano nell’asciugatrice. Ho lavorato al mio progetto murale nel seminterrato e ho trasportato la grande scatola contenente la mia nuova scrivania. Quando finalmente mi sono seduta per una pausa, ho rivisto mentalmente tutto quello che avevo fatto. E ho sorriso.

Ricordatevi sempre questa frase del poeta, scrittore e drammaturgo francese Alfred De Musset: “Per riuscire nel mondo, prendete bene in considerazione queste tre massime: vedere, è sapere; volere, è potere; osare, è avere.”

Rosaria Mastronardo

Un pensiero su “I vantaggi di lavorare da casa con una malattia cronica come la fibromialgia

  1. Grazie Rosaria, so che questa storia è dedicata al problema che abbiamo io e te, e tutte le donne come noi, massacrate dalla cronica presenza di malattie ingombranti, che rendono il quotidiano di difficile gestione

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...