Come capire il dolore cronico

Una interessante conversazione tra il Dr. Tony L. Yaksh, professore di anestesiologia e farmacologia presso l’Università della California, San Diego e Joel Nelson, da lungo tempo malato di psoriasi e artrite.

Il dolore cronico, un processo patologico così complesso che stiamo appena iniziando a comprenderne i fattori scatenanti, ha recentemente ottenuto il riconoscimento come condizione medica a sé stante. Ma come ci si sente a convivere con il dolore cronico? E come lo affrontano il corpo e il cervello?

L’articolo in lingua originale lo trovate qui: https://www.medicalnewstoday.com/

Dolorante, opaco, rosicchiante, bruciante, tagliente, lancinante, penetrante…

Queste sono solo alcune delle parole che le persone tendono a usare per descrivere il loro dolore.

Ora immagina di dover sopportare un po’ di questo ogni giorno da sveglio fino a quando non sai com’è vivere la tua giornata senza che questa linea di dolore esaurisca lentamente la tua energia mentale e fisica.

Questa è la realtà per molte persone che hanno a che fare con il dolore cronico.

Alcuni giorni possono essere fantastici, altri cattivi; i segni potrebbero non essere sempre visibili e potrebbe essere una battaglia interiore nascosta dietro denti stretti e sorrisi forzati.

Ma come fa il dolore cronico a diventare cronico?

Dolore cronico primario e secondario

Il dolore cronico può spesso essere descritto come un semplice sintomo di un problema più ampio o non preso sul serio perché non è pericoloso per la vita. Tuttavia, il peso del dolore cronico non è solo personale ma anche sociale.

Studi mostrano che le persone con dolore cronico possono avere difficoltà ad affrontare la loro vita quotidiana e svolgere attività, oltre ad avere una salute generale peggiore. Le persone con dolore cronico possono anche avere a che fare con l’insicurezza del lavoro o la disoccupazione.

Non è stato fino al 2018 che la Classificazione internazionale delle malattie (ICD) ha assegnato al dolore cronico il proprio codice, nella versione preliminare del nuovo sistema di codifica ICD-11, aprendo la strada al suo riconoscimento e diagnosi.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il dolore cronico è ora classificato in due categorie: dolore cronico primario e dolore cronico secondario.

Il dolore primario, secondo questa classificazione, si riferisce al dolore che non è causato o non può essere spiegato da un’altra condizione medica. Alcuni esempi possono essere la fibromialgia o la lombalgia primaria cronica.

La fibromialgia è una condizione che varia da persona a persona, ma è una condizione di dolore diffuso che colpisce almeno 4 o 5 regioni del corpo e dura almeno 3 mesi ma di solito più a lungo. Nessun’altra causa è stata trovata per il dolore ed è, quindi, un tipo di dolore cronico primario “, ha spiegato il dott. Guite.

Il dolore secondario, d’altra parte, è secondario o causato da una condizione medica sottostante. L’artrite, il cancro o il dolore correlato alla colite ulcerosa rientrerebbero in questo categoria.

L’esperienza molto personale del dolore cronico

Il mio dolore cronico è iniziato intorno ai 10 anni. E da allora, il dolore cronico è stato una parte intermittente della mia vita fino ai giorni nostri“, ha detto Joel Nelson a In Conversation di Medical News Today.

Joel ora ha 38 anni, il che significa che convive con il dolore cronico da alcuni decenni.

La mia prima esperienza con il dolore è stata quando ho avuto un dolore all’anca; era come una sorta di sensazione di bruciore ghiaioso. Ed è appena progredito; più usavo l’articolazione, più peggiorava, arrivavo al punto in cui stavo perdendo la mobilità “, ha detto.

Questo è stato il punto in cui ha deciso di chiedere aiuto, come fa la maggior parte delle persone.

Joel ha detto che una parola per descrivere il suo dolore cronico è “rumore“.

L’ho sempre descritto come rumore perché nei giorni in cui quel dolore è intenso, la mia capacità di assorbire altre informazioni, affrontare più cose alla volta, è semplicemente sparita“, ha detto.

Joel Nelson afferma: “Vivendo con le mie condizioni oggi, penso che l’aspetto più importante dell’esperienza sia la mia fluidità. Ultimamente, i miei limiti e la mia mobilità possono variare a momenti, posso camminare e potrei essere in grado di fare un po’ di corsa o andare in bicicletta come faccio attualmente, ma nella prossima settimana potrei tornare ad usare le stampelle. Molto è dettato dal dolore. Quindi con l’artrite, ho molta rigidità mattutina, ma è il dolore che limita la mia capacità di fare le cose”.

Passaggio dal dolore acuto a quello cronico

Dietro il dolore acuto che diventa cronico, gli scienziati hanno scoperto che un recettore di ingresso chiamato recettore Toll-like 4 (TLR4) può essere un fattore di controllo.

Sappiamo che sotto una lesione tissutale o nervosa di vario tipo possiamo attivare la segnalazione che normalmente è associata a ciò che chiamiamo immunità innata. E uno dei mediatori di ciò è qualcosa chiamato recettore toll-like e si scopre che mentre quelli sono normalmente lì per riconoscere la presenza di insetti estranei, ad esempio E.coli,(Escherichia coli è un batterio di comune riscontro nell’intestino umano) quegli insetti hanno nella loro membrana cellulare, qualcosa chiamato lipopolisaccaride o LPS. Normalmente non ce l’abbiamo nel nostro sistema, ma proviene dai batteri “, ha affermato il dott. Yaksh.

Il dott.Yaksh continua: “Sei nato con esso, non devi svilupparlo. È sempre lì. Quello che abbiamo scoperto negli ultimi anni è che ci sono molti prodotti che il tuo corpo rilascia che attiveranno quegli stessi recettori.”

I recettori Toll-like possono innescare il sistema immunitario centrale per stati di dolore intensificati. In risposta a stimoli dannosi, fattori di stress o lesioni ai tessuti, specialmente nel microbioma o nel tratto gastrointestinale, il corpo inizia a rilasciare prodotti dalle cellule infiammatorie.

Quando ciò accade, questi prodotti che vengono rilasciati dal nostro stesso corpo possono attivare questi recettori Toll-like, e ce n’è uno che chiamiamo TLR4 che è presente sulle cellule infiammatorie, ed è presente anche sui neuroni sensoriali, ” Ha spiegato il dott. Yaksh.

Il Dr. Yaksh ha detto che l’attivazione del TLR4 stesso non causa tanto dolore, ma che prepara il sistema nervoso a diventare più reattivo.

Insieme a questo innesco, se in quel momento sono presenti altri fattori di stress, come una cattiva alimentazione o un disagio psicologico, ha sottolineato il dottor Guite, questo può innescare un’intera cascata che può alimentare questa transizione verso il dolore cronico.

L’attivazione di TLR4 crea un’intera serie, una cascata in cui ci sarà una maggiore espressione di un gran numero di recettori e canali che sono in grado di guidare una risposta potenziata del sistema. Quando ciò accade, si ottiene questa risposta potenziata a valle della lesione tissutale iniziale. Non è tanto che esso causa la condizione del dolore, imposta solo il sistema per essere più reattivo, lo sottolinea il Dott. Tony Yaksh.

Il dott. Tony Yaksh, Ha detto che la situazione di Joel rientra nell’idea che una persona può passare da un tipo di dolore a un altro.

Questo può essere esacerbato dagli stress che sono ‘psicologici’ che possono esacerbare uno stato di dolore a uno che può, in effetti, avere una componente fisiologica sottostante che potremmo non capire veramente“, ha aggiunto.

Nel caso di Joel, ad esempio, il dottor Yaksh ha suggerito che era probabile che lo stress e la gioia di diventare padre e tutti gli altri aspetti giocassero un ruolo nell’aggravare le condizioni di Joel e rendessero più difficile tenere sotto controllo il dolore. Ha sottolineato che questo non ha reso il dolore meno reale.

Penso che probabilmente ci fosse questa componente emotiva molto forte che associava quella che era la situazione di Joel, che la condizione di dolore e gli eventi che erano associati alla diagnosi psoriasica e altri aspetti, forse, di fatto, hanno stabilito la transizione da uno stato all’altro quello che chiamiamo una transizione o da acuto a cronico, o la cronicizzazione dello stato di dolore “, ha elaborato.

È tutto nel cervello?

Le teorie finora suggeriscono che il dolore si verifica all’intersezione di dove il corpo incontra il cervello.

Il tuo commento sul dolore che può essere nel cervello è assolutamente il modo corretto di pensarci; la funzione di output di qualsiasi cosa viene dai centri superiori“, ha affermato il dottor Yaksh.

Tutto si riduce a come il cervello registra il dolore quando c’è un danno tissutale.

Il dolore è una funzione cruciale per la nostra sopravvivenza; è essenzialmente un sistema di allarme che avvisa il nostro corpo che c’è un danno o una malattia da affrontare. Dopo una malattia o un infortunio, i nervi che circondano l’area iniziano a inviare segnali al cervello attraverso il midollo spinale, il che ci incoraggia a ricevere aiuto e fermare ulteriori danni.

Dopo che il corpo ha subito una lesione, il danno agli organi e ai tessuti del corpo innesca una risposta infiammatoria acuta che coinvolge cellule immunitarie, vasi sanguigni e altri mediatori. Tuttavia, a volte, anche dopo che questa fase iniziale della lesione è passata e il corpo guarisce, il sistema nervoso può rimanere in questo stato di angoscia o reattività.

Quando ciò accade, il corpo può diventare ipersensibile al dolore. Se questa maggiore sensibilità è quella di riscaldare o toccare l’area lesa, si parla di “sensibilizzazione periferica“.

Se dovessi incepparmi il dito, o se dovessi sviluppare, nel caso di Joel, un evento che porta ad un’auto-infiammazione locale dell’articolazione, allora, di fatto, quell’infiammazione porta al rilascio di fattori, che ora sensibilizza l’innervazione di quell’articolazione“, ha spiegato il dottor Yaksh.

Il dottor Yaksh ha detto che questo è qualcosa che tutte le persone sperimentano, indipendentemente dal fatto che si tratti di dolore cronico. Ha spiegato che dopo un infortunio, tuttavia, un’attività innocua come muovere il dito può “diventare straordinariamente nociva“.

Ha descritto questo come una sensibilizzazione generata da lesioni periferiche e infiammazione, dove queste informazioni vengono poi trasmesse al cervello attraverso il midollo spinale.

Come lo stress può amplificare il dolore

Tuttavia, a volte questa risposta prolungata alla lesione iniziale può far sì che il dolore persistente sia diffuso, piuttosto che localizzato nell’area lesa. Questo si chiama “sensibilizzazione centrale“.

È interessante nel caso di Joel, che tu abbia chiaramente un problema periferico, che si tratti di infiammazione di un’articolazione, infiammazione della pelle o cambiamenti nella funzione dei nervi periferici. E quindi non solo ottieni cambiamenti nella morfologia articolare e cose del genere, ma in realtà ottieni cambiamenti che portano a cambiamenti nel modo in cui le informazioni che entrano nel midollo spinale e quindi nei centri superiori “, ha spiegato il dott. Yaksh , “e hai attivato popolazioni specifiche di fibre sensoriali che normalmente vengono attivate solo da lesioni gravi.”

È possibile che quel midollo spinale, che ora, in un certo senso, sta organizzando la funzione input-output dalla periferia al cervello, possa riorganizzarsi in modo molto simile se prendessi una radio e alzassi il volume— il segnale alla radio non è cambiato, ma il volume si alza. Quindi, pensa al midollo spinale come a un regolatore di volume”. Dott. Tony Yaksh

E dice che sono arrivate cattive notizie. Ma ora sappiamo in realtà che parte di quell’input che arriva lungo lo stesso percorso va in aree del cervello che non hanno nulla a che fare con la provenienza di quel dolore, solo che è intenso “, ha detto. Queste uscite che risalgono il midollo spinale informano il cervello su dove e quanto è intenso il dolore. Un’area in cui questi vengono elaborati è il sistema limbico, o “il vecchio cervello dell’odore”, ha affermato il dottor Yaksh.

Queste sono aree del cervello che sono, infatti, associate negli esseri umani con l’input associato all’emotività“, ha aggiunto.

Questo stress può anche modulare il modo in cui il dolore viene percepito dal corpo; può causare tensione o spasmo muscolare, oltre a portare a un aumento dei livelli dell’ormone cortisolo. Ciò può causare infiammazione e dolore nel tempo. Questo può, a sua volta, portare a problemi di sonno, irritabilità, affaticamento e depressione nel tempo, creando un circolo vizioso che si aggiunge a un sistema nervoso già stressato, peggiorando il dolore.

Mindfulness e neuroscienze del dolore

Sebbene i trattamenti per il dolore acuto spesso comportino l’assunzione di vari farmaci come paracetamolo, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) o oppioidi, le strategie di trattamento e gestione del dolore cronico sono piuttosto limitate.

Abbiamo iniziato questa conversazione dicendo che il dolore è nel cervello. E le tue percezioni di ciò che riguarda il mondo hanno un impatto molto diretto su di te, e in un modo che è effettivamente definibile sperimentalmente, cambia il modo in cui il tuo cervello reagisce. Quindi, quando dico che il dolore è nel cervello, non sto dicendo che lo sia, è meno reale in qualsiasi modo, o forma. È una cosa reale “, ha detto il dottor Yaksh.

Ora insegniamo agli studenti di medicina che, solo perché non vedi la diagnosi primaria come un’articolazione gonfia non significa che il paziente non abbia qualcosa“, ha sottolineato.

Il dottor Yaksh ha detto che la consapevolezza è spesso usata in terapia per trattare o gestire la fibromialgia. Ha detto che questo non significa che non ci sia una componente fisiologica della fibromialgia e anzi, recenti ricerche hanno dimostrato che è molto probabile che si tratti di una condizione autoimmune – “altrettanto reale quanto la presenza di anticorpi che definiscono la presenza di un’articolazione artritica ,” Egli ha detto.

“La consapevolezza, in un certo senso, può aiutare l’individuo a rispondere alla natura del traffico afferente che sale lungo il midollo spinale; non è qualcosa che potresti diventare abbastanza consapevole da dire di aver fatto un intervento chirurgico. Ma potrebbe smussare alcune delle cose che, in effetti, stanno guidando questa risposta esagerata. La fibromialgia è un esempio perfetto”.

Dott. Tony Yaksh

La consapevolezza non rende lo stato di dolore meno reale ma dimostra che cambiare il modo in cui pensi alla tua condizione di dolore può aiutarti ad affrontare quella condizione di dolore“, ha detto.

Joel ha aggiunto che, dal punto di vista di una persona con dolore cronico, è un viaggio per vedere come il cervello e il corpo lavorano insieme per mantenere il dolore.

E’ una conversazione davvero delicata quando parli del dolore e di ciò che risiede nel cervello e, come qualcuno che ha chiuso il cerchio attraverso quel viaggio di essere inorridito quando è stato suggerito per la prima volta di passare attraverso la gestione del dolore, e poi capirlo in modo da poterlo elaborare meglio. Ha cambiato tutto per me.“

Ciò che riserva il futuro per il trattamento del dolore cronico attualmente rimane poco chiaro. Tuttavia, la speranza è che i farmaci possano essere sviluppati per influenzare i recettori come TLR4 in un modo che potrebbe non provocare il passaggio del dolore da acuto a cronico e che la nostra comprensione di come i processi psicologici interagiscono con l’interfaccia neuro-immune aumenti nel tempo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...