La mania del CBD. E’ così poco dannoso?

Questo articolo è stato scritto da Dennis Thompson il 13 maggio del 2019, perché lo pubblico oggi?

Ho pensato di farlo pensando alla discussione alla Camera di questi giorni sulla coltivazione, per uso personale, fino ad un numero di 4 piante di marijuana e mi sto preoccupando di quello che potrà succedere.

La mania del CBD che sta dilagando in tutta l’America: i nuovi prodotti stanno riempiendo gli scaffali dei negozi mentre il mercato esplode per quello che molti americani credono essere un miracoloso toccasana.

Si trova di tutto, dagli oli alle caramelle gommose, alle pillole, creme e unguenti, è ora in vendita nei supermercati e nelle catene aperte di recente per questa specialità. Puoi persino ricevere massaggi infusi con CBD o cosmetici intrecciati con il farmaco.

Tutti questi prodotti contengono cannabidiolo ma non THC, l’ingrediente che notoriamente fornisce quello che si definisce uno “sballo“. Ma cosa sanno veramente gli scienziati dei benefici e dei rischi per la salute del CBD?

Di molto poco, dicono gli esperti, e i consumatori dovrebbero fare attenzione a non sprecare i loro soldi.

Hai una marea di prodotti a base di CBD che provengono dalla canapa che stanno per essere immessi sul mercato e hai tutti i tipi di dichiarazioni fatte su questi prodotti da persone che stanno cercando di venderli“, ha affermato Timothy Welty, presidente del dipartimento di scienze cliniche presso il College of Pharmacy and Health Sciences della Drake University, a Des Moines, Iowa.

L’ondata di prodotti a base di CBD è diventata così travolgente che la Food and Drug Administration statunitense (l’agenzia del governo federale degli Stati Uniti la cui missione è proteggere la salute pubblica assicurandosi che alimenti, cosmetici e integratori alimentari siano sicuri da usare ed etichettati in modo veritiero) si è recentemente fatta sentire.

La Food and Drug Administration statunitense ha lanciato una raffica di lettere di avvertimento alle aziende che commercializzano questi prodotti a base di CBD, dicendo loro di smettere di fare affermazioni sulla salute infondate per la sostanza.

Queste aziende, con altrettanti lettere e comunicati dirette alla Food and Drug Administration, hanno falsamente affermato che il CBD può fermare le cellule tumorali, rallentare la progressione del morbo di Alzheimer, alleviare il dolore ai nervi e la fibromialgia e frenare i sintomi di astinenza per le persone sottoposte a trattamento per abuso di sostanze.

Perché questa mania del CBD?

L’agenzia terrà un’audizione pubblica il 31 maggio sui prodotti CBD e sulla loro sicurezza e ha formato un gruppo di lavoro per considerare nuove leggi e regolamenti per governare questo mercato.

I prodotti CBD hanno sommerso il mercato non a causa di nuove prove mediche, ma a causa di un cambiamento nella legge federale, ha osservato Timothy Welty.

Alla fine dell’anno scorso, il Congresso ha approvato un disegno di legge sull’agricoltura che ha revocato un divieto decennale sulla coltivazione della canapa. Se la pianta contiene meno dello 0,3% di THC, la canapa può essere coltivata legalmente ovunque negli Stati Uniti da agricoltori autorizzati.

Il disegno di legge affermava specificamente che la US Drug Enforcement Agency non può regolamentare i prodotti a base di canapa come il CBD, ha affermato Welty. Quindi, ora spetta alla FDA regolamentare la mania del CBD.

Il dottor David Copenhaver, direttore della gestione del dolore da cancro e delle cure di supporto per l’Università della California, Davis Health Center. ha osservato che, il nostro corpo contiene un sistema di recettori che rispondono ai composti della marijuana, inclusi THC e CBD.

Per questo motivo, i ricercatori sono stati molto interessati ai potenziali benefici del CBD per quanto riguarda alcuni diversi problemi di salute.

Poche prove di benefici medici

Vi ricordiamo che ad oggi, c’è solo un uso del CBD che ha dietro di sé significative prove scientifiche: frenare i sintomi di rare forme di epilessia.

L’anno scorso la FDA ha approvato il farmaco Epidiolex per il trattamento di due forme di epilessia infantile. L’evidenza medica ha dimostrato che il CBD altamente purificato in Epidiolex può alleviare le convulsioni.

Per il resto dei potenziali usi del CBD, ci sono semplicemente troppo poche prove per trarre una conclusione definitiva.

Il prossimo potenziale uso medico del CBD potrebbe essere per i sintomi del disturbo d’ansia, hanno affermato Welty e Yasmin Hurd, presidente della neuroscienza traslazione e direttore dell’Addiction Institute al Mount Sinai.

Gli studi clinici suggeriscono che il CBD potrebbe aiutare a curare l’ansia, ma Welty ritiene che ci sia bisogno di ulteriori studi. Hurd è leggermente più convinto, ma concorda che sono necessari ulteriori studi.

Ci sono prove pubblicate che il CBD riduce l’ansia“, ha detto Hurd. “Questa è un’altra indicazione in cui posso dire di poter credere ai dati; tuttavia, non conosciamo ancora il regime di dosaggio che sarebbe efficace per l’ansia. Sono studi in corso”.

Altri usi – come antinfiammatorio, un aiuto per l’astinenza da sostanze, un aiuto per dormire, un analgesico – non sono stati provati in modo definitivo.

In alcuni casi, le prove sono contrarie a ciò che le persone potrebbero sospettare.

Non ci sono molte ragioni per credere che il CBD sia un mezzo efficace per alleviare il dolore, ha affermato il dottor Ajay Wasan, vicepresidente per la medicina del dolore presso l’Università di Pittsburgh Medical Center.

Se lo pensi come una medicina, sarebbe un analgesico debole“, ha detto Wasan. “È davvero il componente THC della marijuana medica che è il composto che ti dà sollievo dal dolore“.

Possibilità di danno

Secondo uno studio pubblicato lo scorso dicembre sulla rivista Investigative Ophthalmology & Visual Science, il CBD potrebbe peggiorare la malattia degli occhi, come il glaucoma,

I ricercatori hanno scoperto che i colliri al CBD aumentavano la pressione oculare nei topi, anche se il THC sembrava ridurre la pressione, il che potrebbe spiegare perché la marijuana medica ha avuto risultati contrastanti quando si tratta di studi sul trattamento del glaucoma.

Sono rimasto sorpreso di quanto CBD sia decollato ed è esploso con pochissimi dati“, ha detto Wasan. “La maggior parte degli altri integratori a base di erbe, ci sono almeno alcuni studi su questi prima che diventi davvero popolare. Ma per questo non ho visto niente“.

La linea di fondo, hanno detto i ricercatori, è che le persone che vogliono provare il CBD per un motivo o per l’altro dovrebbero prima parlare con il proprio medico. Welty ha notato che Epidiolex può essere utilizzato “off-label” per altre condizioni se un medico ritiene che potrebbe funzionare.

Oltre a ciò, i consumatori potrebbero prendere in considerazione l’acquisto di prodotti CBD da un programma statale. Alcuni stati come l’Iowa hanno istituito programmi di questo tipo per rendere disponibile il CBD in medicina, ha affermato Welty.

Questi prodotti sono più affidabili, perché dispongono di un sistema per monitorare la purezza dei contenuti“, ha affermato Welty. “Sei un po’ più sicuro di ottenere ciò per cui stai pagando.

Il CBD è sicuro? Molti prodotti non regolamentati

Welty è molto meno sicuro dei “prodotti artigianali” contenenti CBD che sono disponibili nei negozi e nei dispensari e, per una buona ragione, gli studi hanno dimostrato che la maggior parte di questi prodotti non supera i test di contenuto e purezza.

Uno studio del 2017 ha concluso che quasi 7 su 10 prodotti a base di CBD non contenevano la quantità di cannabidiolo promessa sull’etichetta, secondo i risultati pubblicati sul Journal of American Medical Association .

Quasi il 43% dei prodotti conteneva troppo poco CBD, mentre circa il 26% ne conteneva troppo. Peggio ancora, circa 1 prodotto CBD su 5 conteneva l’inebriante THC.

I prodotti CBD che arrivano attraverso quella strada, non c’è essenzialmente alcun controllo e tu come consumatore non hai modo di sapere cosa stai ricevendo“, ha detto Welty.

Copenhaver crede che si possano trovare altri usi legittimi del CBD, ma richiederà una conoscenza più approfondita del modo in cui il corpo umano risponde ai diversi composti della marijuana.

Le persone farebbero meglio ad aspettare, per quanto riguarda le prove mediche, piuttosto che essere coinvolte nella mania del CBD, ha detto Hurd.

Ad oggi, non possiamo affermare che il CBD sarà il toccasana per ogni disturbo, non si può ancora affermarlo con sicurezza, ha detto Hurd.

Conclusioni

Dobbiamo ammettere che ormai il consumo di cannabis è diventato un fenomeno di massa. Questo avviene soprattutto in Italia dove, secondo l’Osservatorio europeo delle droghe, il 19% dei ragazzi italiani tra i 15 ed i 34 anni ha fatto uso di cannabis nel corso degli ultimi dodici mesi.

Al di là delle motivazioni che stanno dalla parte di chi è proibizionista e di chi non lo è, è necessario che una decisione simile venga presa allontanandosi dalle ideologie. Nel valutare i pro e i contro, rispettando la salute del cittadino, la lotta alla criminalità organizzata e l’economia, bisognerebbe lasciar fuori qualsiasi spinta ideologia che possa nascondere ì rischi o benefici.

Attualmente, alcuni stati hanno cominciato a rendere legale la marijuana, come gli stati americani già citati, l’Uruguay, i Paesi Bassi e il Canada. In molti altri stati si trova una via di mezzo. In tutto il mondo il dibattito è aperto.

FONTI: Timothy Welty, Pharm.D., chair, department of clinical sciences, Drake University’s College of Pharmacy and Health Sciences, Des Moines, Iowa; David Copenhaver, M.D., M.P.H., director, cancer pain management and supportive care, University of California, Davis Health Center; Yasmin Hurd, Ph.D., chair, translational neuroscience, and director, Addiction Institute at Mount Sinai, New York City; Ajay Wasan, M.D., vice chair, pain medicine, University of Pittsburgh Medical Center

L’articolo nella lingua originale: https://www.fmaware.org/cbd-craze-sweeping-america/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...